Trovare casa a Barcellona: 10 dritte Erasmus Friendly

1- Non troverete una stanza singola a meno di 300 euro. Se la trovate, controllate di non stare cercando sul sito di Barcellona Pozzo di Gotto in Calabria!

2- Non accettate mai la prima proposta che vi viene fatta, i primi tentativi saranno sempre poco soddisfacenti, ma vivere senza finestra in 2 mq di stanza vi farà rimpiangere di non aver passato una settimana in più in ostello.

3- Vi richiederanno quasi sempre di pagare l’affitto in contanti.

4- Assicuratevi di capire bene quello che è compreso nel prezzo dell’affitto e a quanto ammonteranno le vostre spese:
- elettricità
- acqua
- condominio
- gas (per questo vedi anche la questione del gas butano delle case del centro storico)
- telefono e internet (ove presenti, se no potete sempre allacciarvi al wifi cittadino o del vicino di casa!).

5- Alla firma del contratto vi chiederanno di pagare uno o due mesi di affitto anticipato come caparra. State attenti che quando andate via non vi decurtino dei soldi per fantomatiche spese extra o riparazioni impreviste di cui non avevate avuto notizia: annotatevi sempre ogni singolo intervento che il vostro padrone di casa farà sulla manutenzione della casa. Come regola generale, non pagate nulla fino a che non avrete firmato un contratto. Se volete lasciare la casa o la stanza prima della fine del contratto, di norma dovreste dare circa un mese di preavviso, ma spesso ci si può accordare anche diversamente, non abbiate mai paura di domandare

6- Se avete bisogno di arredare la stanza o di aggiungere qualche mobile, oltre alla ever green e everywhere IKEA, una volta a settimana (il giorno dipende dal quartiere) c’è il "dia de los trados": gli abitanti del barrio lasciano i mobili e gli elettrodomestici vecchi accanto ai cassonetti, a volte scrivendoci anche sopra se funzionano o meno, e chiunque può andare e prendere quel che più gli occorre. Si fanno davvero degli ottimi affari: è come andare ad un mercatino dell’usato, solo che la merce è gratis!!

7- Questione gas butano: molte case del centro storico non hanno un allaccio a gas diretto, e per questo dovrete usare una bombola di gas butano. Ora, la cosa divertente è che i rivenditori di butano sono spesso ambulanti che girano con dei carretti pieni di bombole arancioni, tra i vicoli del centro storico. Vi capiterà sicuramente che, alle 7 del mattino, di ritorno da una notte brava in discoteca, quando state appena per prendere sonno, una voce roboante al grido di "Butanooooo, Butaaaanooo" vi desti all’improvviso. Quello che dovrete fare (soprattutto se rischiate di lavarvi con acqua fredda o non poter cucinare nulla perché è finito il gas), è aprire la finestra e urlare con tutta la voce di cui siete capaci (l’alcohol che ancora vi gira in corpo non aiuta) "Aquiiiiiii, aquiii". Un baldo giovine, (quasi sempre indiano o pachistano), si caricherà la o le bombole di gas butano sulle spalle, ve le porterà in casa e (previa mancia) ve le allaccerà anche alla stufa, riportandosi indietro le bombolo vuote. Una bombola di butano costa tra i 20 e i 30 euro. Ecco tutto ciò che dovete sapere sulle bombole di butano del quartiere gotico a Barcellona.

8- Spesso, nelle case abitate solo da studenti (soprattutto se Erasmus) può capitare di ricevere visite a sorpresa del padrone di casa . Sappiate che questa è una cosa che non potrebbe fare ma che, di fatto, è difficilissimo riuscire ad impedire.

9- Ecco la traduzione di un elenco di parole che troverete sugli annunci e che vi sarà molto utile sapere:

  • habitacion interior: a Barcellona molti palazzi hanno delle corti, delle "fessure" aperte al centro del palazzo, dal tetto al pian terreno. Una stanza interior, si affaccia su questa minuscola corte. Scegliere una habitacion interior significa pagare di meno ma significa anche vivere con pochissima luce (a patto che si riesca ad aprire veramente la finestra) e ammorbati dal mix di odori delle cucine di tutto il palazzo!
  • habitacion individual: è una stanza singola (accertatevi che lo sia davvero, molti affittuari ricavano le singole separando una stanza molto grande con dei muri di cartongesso e per arrivare nella vostra stanza dovete passare attraverso quella dei vostro compagni di casa
  • habitacion double: stanza doppia
  • habitacion esterior: è una stanza che si affaccia sulla strada e non sulla tromba d’aria interna
  • studio: è un monolocale
  • no reformado: non è ristrutturato
  • gastos de comunidad: le spese per il condominio
  • gastos: spese in genere
  • fianza: caparra per l’affitto

10- And last but not least, la regola più importante: rispettete le regole della casa (turni di pulizia, fondo cassa, il riposo degli altri), ma DIVERTITEVI, più che potete! Non rifiutate le novità, l’ignoto, non abbiate paura di quello che non conoscete, perché raramente nella vita vi ricapiterà di avere tante occasioni tutte insieme per imparare cose nuove e stringere legami con quella che diverrà presto la vostra nuova grande famiglia europea di studenti Erasmus!

Le Città SocialTripper : Barcellona | Roma | Parigi | Londra | Firenze | Milano

Socialtripper è un Network realizzato da New Com Agenzia Web - Roma | PI 02504700606